Come lavoro

Il mio obiettivo, incontrando i miei clienti, è creare un clima facilitante, un clima empatico, sensibile verso i vissuti dell’altro, senza giudizio, ma con stima e apprezzamento, in cui io mi mostro non solo come professionista, ma come una persona reale e autentica nella relazione. L’altro non è il “paziente” che attende i miei consigli, una cura, ma è attore protagonista nel suo percorso, responsabile di se stesso e libero di decidere dove andare, quando e se terminare. Per raggiungere questo obiettivo cerco di applicare gli assunti principali della Psicoterapia Centrata sulla Persona, fondata da Carl Rogers. L’ ipotesi centrale di questo approccio è che in ogni organismo ci sia una tendenza naturale verso uno sviluppo delle sue potenzialità in qualsiasi circostanza della sua esistenza (tendenza attualizzante). Così descrive  Rogers la tendenza attualizzante: “Ricordo che nella mia fanciullezza lo sgabuzzino in cui immagazzinavamo la riserva di patate per l’inverno si trovava in un seminterrato, due o tre metri al di sotto di una finestrella. Le condizioni erano sfavorevoli, ma le patate cominciavano lo stesso a germogliare, erano germogli pallidi, molto diversi da quelli verdi e sani che spuntano quando le patate sono seminate in primavera. E tuttavia questi germogli tristi e sottili crescevano fino a raggiungere quasi un metro di lunghezza nel tentativo di raggiungere la luce lontana della finestrella. Questi germogli erano nella loro crescita bizzarra e futile, una sorta di espressione disperata della tendenza direzionata che ho descritto. Essi non sarebbero mai diventati piante, non sarebbero mai maturati, mai avrebbero realizzato il loro potenziale reale. Essi tentavano di realizzarlo, però, anche nelle circostanze peggiori. La vita, anche se non le era possibile fiorire, non rinunciava a se stessa. “. Gli individui hanno in se stessi ampie risorse per auto-comprendersi e per modificare il concetto di sé, gli atteggiamenti di base e gli orientamenti comportamentali. Queste risorse possono emergere in modo più fluido quando può essere fornito un clima definibile di atteggiamenti psicologici facilitanti, clima che deve essere presente nella relazione terapeutica. Vi sono tre condizioni che devono essere presenti affinché si stabilisca un clima che determini la crescita. La prima è l’autenticità o congruenza del terapeuta, in cui sentimenti e atteggiamenti che quest’ultimo vive nella relazione sono a lui ben presenti e di conseguenza quanto è appropriato può essere comunicato. Il secondo fattore è l’accettazione: il valorizzare tutto quello che è definito “incondizionata considerazione positiva”; se il terapeuta mostra un atteggiamento accettante verso qualunque cliente, un cambiamento ha maggiore possibilità di essere. Il terzo elemento è la comprensione empatica: il terapeuta percepisce i sentimenti e i significati personali che il cliente sta sperimentando, e  comunica questa sua comprensione al cliente.  
Scrive Rogers: “Quando tutto ciò è presente, quando le persone si sentono accettate e valorizzate, esse tendono a sviluppare un atteggiamento di maggior cura verso se stesse; quando sono ascoltate in modo empatico,diventa loro possibile prestare maggiore attenzione al flusso delle esperienze interiori. Più una persona comprende se stessa più diventa autentica nei suoi comportamenti, più incentiva la sua crescita e il suo benessere”.